Lettera aperta su vaccini liberi e licenze obbligatorie: le prime firme

Abbiamo recentemente pubblicato una lettera aperta al presidente del consiglio e ai ministri della salute e dell’università e ricerca con la proposta di produrre un vaccino anti covid-19 aperto a tutti e di introdurre nella legislazione italiana una norma sulle licenze obbligatorie. La lettera, sottoscritta dal consiglio direttivo di AISA, è stata poi offerta alla firma di tutti gli studiosi che ne condividessero le idee. Chi desidera aggiungere la propria adesione è invitato a spedire un messaggio, preferibilmente dal suo indirizzo istituzionale, a aisascienza@protonmail.com, contenente il suo nome e la dichiarazione “Aderisco e autorizzo alla pubblicazione da parte dell’AISA dei miei nome e cognome in calce alla lettera aperta”.

Ecco l’elenco delle firme finora raccolte, aggiornato al 2 aprile 2021:

  • SILVIO GARATTINI Istituto Mario Negri
  • SABINA LEONELLI University of Exeter
  • VITTORIO AGNOLETTO Università di Milano
  • ANDREA ROVENTINI Scuola Superiore Sant’Anna
  • ANTONELLA ZANE Università di Padova
  • ANTONELLA DE ROBBIO Università di Padova
  • ROSALBA NODARI Università di Siena
  • DANILO ACETO ZUMBO Università di Roma 2
  • RITA ASTUTI London School of Economics
  • FRANCESCA  DI DONATO ILC-CNR
  • STEFANO SALVIA
  • ANDREA E. PIA London School of Economics
  • ELISABETTA TAMBURINI Università di Roma 1
  • MARIA TERESA LEO  SISSA
  • EDOARDO BALLO Università di Milano
  • SANDRA ASTRELLA
  • LUDOVICA PASERI Università di Torino
  • FILIPPO ZERILLI Università di Cagliari
  • ELENA GIGLIA Università di Torino
  • MAURIZIO LANA Università del Piemonte Orientale
  • GINEVRA PERUGINELLI IGSG-CNR
  • FLAVIO MASSIMILIANO CECCHINI Università Cattolica di Milano
  • ROBERTA PIEROBON
  • GESUMINA STEFANIA MINOIA
  • ANTONELLA BORTOLI
  • GIOVANNI LEONE 
  • PAOLA IANNUCCI Università di Ferrara
  • PAOLO GUARDA Università di Trento
  • FEDERICA CAPPELLUTI Politecnico di Torino
  • FRANCESCA  BORTOLI
  • DARIO FONTANINI
  • BIANCA GUALANDI Università di Bologna
  • ANNAMARIA DI GIOVINE
  • PAOLA GARGIULO
  • GIANFRANCO DE BERTOLINI
  • PAOLA MONELLA Università di Roma 1
  • VIRGINIA VALZANO CEIT-Università del Salento
  • ROSARIO MASSI
  • STEFANIA LOMBARDI ISTI-CNR
  • GIOVANNI A. CIGNONI Università di Pisa
  • LUISA CAPELLI Università di Roma Tor Vergata
  • COMITATO BIBLIOTECHE NILDE Giovanna Colombo  CBN Nilde
  • GUIDO NOTO LA DIEGA CRISP-University of Stirling
  • ROSSANA DUCATO University of Aberdeen
  • EMILIA PERASSI Università di Milano
  • MATTEO VILLA Università di Pisa
  • MAURIZIA MEZZA Amsterdam Institute for Social Science Research
  • LUCA NIVARRA Università di Palermo
  • LUCIANO PUGLIESE Università del Piemonte Orientale
  • GIACOMO  ROMAN Università del Piemonte Orientale
  • GIACOMO  BALDUZZI Università del Piemonte Orientale
  • MAURIZIO SABBATINI Università del Piemonte Orientale
  • ROSA ROMEO Università del Piemonte Orientale
  • NICOLA GHIGO ROSSI
  • CHIARA ZARA Università del Piemonte Orientale
  • DANIELA PICIN Università di Roma 2
  • LUIGI LOTTARDI
  • MARINA CALDERISI Università di Torino
  • LAURA CASCELLA
  • ANTONELLA DEL PRETE Università della Tuscia
  • ROSSANA MORRIELLO Politecnico di Torino
  • GINO RONCAGLIA Università della Tuscia
  • LUCIA  STACCONE Università Roma 3
  • GIACOMO  TESIO
  • LUCA MARCHETTI Università Statale di Milano
  • SILVIA CARISTIA Università del Piemonte Orientale
  • SERGIO BRASINI Università di Bologna
  • SILVIA CALAMAI Università di Siena
  • ELISABETTA MARINI Università di Cagliari
  • VITTORIO TRANCHINA Università di Palermo
  • DANIELA TAFANI Università di Pisa
  • ENRICO MARIA PADOVANO
  • CRISTIANO  SALTORI Università di Trento
  • PATRIZA CORDIN Università di Trento
  • FRANCESCA  PALUMBO Università di Trento
  • FRANCESCO DE PASCALE Università di Trento
  • GIOVANNA  MASSARI Università di Trento
image_pdfimage_print

Appello comune agli stati membri dell’UE e agli istituti culturali per la liberalizzazione dell’uso delle immagini del patrimonio culturale in pubblico dominio

Il Capitolo italiano di Creative Commons lancia un appello comune, firmato anche da AISA, agli stati membri dell’Unione Europea e agli istituti culturali per la liberalizzazione dell’uso delle immagini del patrimonio culturale in pubblico dominio. Il suo testo integrale è visibile qui.

image_pdfimage_print

Vaccini liberi e licenze obbligatorie: raccolta di firme

Abbiamo recentemente pubblicato una lettera aperta al presidente del consiglio e ai ministri della salute e dell’università e ricerca con la proposta di produrre un vaccino anti covid-19 aperto a tutti e di introdurre nella legislazione italiana una norma sulle licenze obbligatorie. La lettera, sottoscritta dal consiglio direttivo di AISA, è ora aperta alla firma di tutti gli studiosi che ne condividono le idee. Chi desidera aderirvi è invitato a spedire un messaggio, preferibilmente dal suo indirizzo istituzionale, a aisascienza@protonmail.com, contenente il suo nome e la dichiarazione “Aderisco e autorizzo alla pubblicazione da parte dell’AISA dei miei nome e cognome in calce alla lettera aperta”.

image_pdfimage_print

Lettera aperta al presidente del consiglio e ai ministri della salute e dell’università e ricerca

AISA ha inviato una lettera aperta al presidente del consiglio, al ministro della salute e alla ministra dell’università e della ricerca con le sue proposte per produrre un vaccino anti covid-19 aperto a tutti e per introdurre nella legislazione italiana una norma sulle licenze obbligatorie. Il suo testo è visibile qui.
La lettera è aperta alla firma di tutti gli studiosi che ne condividono le idee. Chi desidera sottoscriverla è invitato a spedire un messaggio, preferibilmente dal suo indirizzo istituzionale, a aisascienza@protonmail.com, contenente il suo nome e la dichiarazione “Aderisco”.

image_pdfimage_print

Per un vaccino anti Covid-19 aperto a tutti

1. Cooperazione invece di competizione

Notizie di stampa riferiscono di centri di ricerca italiani che stanno studiando l’elaborazione di un nuovo vaccino anti-COVID-19. Alcuni di questi centri appartengono a università o enti di ricerca pubblici che fanno capo allo Stato e sono finanziati dal contribuente. In una situazione pandemica, continuare a costringerli a reinventare la ruota in nome del culto del brevetto e della competizione intestina non è soltanto inefficiente: è letale. Occorre trovare il modo di farli cooperare, nell’interesse dell’Italia e dell’umanità.

2. Un vaccino libero

Qualche giorno fa il ministero dell’università ha pubblicato il Programma nazionale per la Ricerca 2021-2027, che contiene anche alcune dichiarazioni a favore della scienza aperta (§ 3.5.1). In un paese in cui il dire è sempre stato più facile del fare, università ed enti di ricerca potrebbero finalmente essere incoraggiati a collaborare per mettere a disposizione di tutti – di tutti gli italiani e di tutti gli esseri umani – le conoscenze e le tecnologie necessarie a produrre un nuovo vaccino, in una concorrenza leale, sui principi ancor prima che sui prodotti, con le multinazionali del farmaco che, grazie ai brevetti, hanno potuto costruire un sistema fondato su un’artificiale – e mortale – scarsità.

3. Finanziamento pubblico e donazioni civiche

Il finanziamento di questa ricerca potrebbe basarsi su fondi statali – per esempio del MUR e del Ministero della Salute – e sul contributo volontario dei cittadini, italiani e no.

Una simile iniziativa può sperare di avere successo solo se le sue regole di base sono chiare e pubbliche, perché pensate allo scopo di garantire, con una sorta di patto fra cittadinanza e ricerca, che da ciò che è pubblico e liberalmente donato si ottenga qualcosa che sia destinato a rimaner pubblico e liberalmente donato. Questa donazione da parte della rete della ricerca pubblica e dei cittadini che la finanziano direttamente e indirettamente non salverebbe soltanto le vite di pazienti ricchi e poveri, italiani e no, ma metterebbe a disposizione delle imprese italiane e del mondo le conoscenze e la tecnologia relativa al nuovo, e libero, vaccino.

4. Collaborazione tra stato e imprese

Le imprese italiane potrebbero essere le prime a produrre il vaccino sia perché si gioverebbero di conoscenze e tecnologie geograficamente prossime, sia perché potrebbero approfittare del contributo del resto del mondo, costruito sulla loro conoscenza condivisa. Moderna ha scelto di sospendere unilateralmente e senza impegno le azioni giudiziarie a tutela dei propri brevetti allo scopo di trar vantaggio dall’inventiva altrui. Offrire però al resto del mondo la possibilità di sperimentare e contribuire a conoscenze e tecnologie legalmente aperte invece che solo provvisoriamente e arbitrariamente libere e potenzialmente costose sarebbe, di nuovo, una concorrenza morale, e non soltanto leale.

5. Strumenti giuridici

Gli strumenti giuridici per attuare i 4 principi sopra elencati non mancano. Una delle opzioni disponibili è la cosiddetta pubblicazione difensiva, cioè la pubblicazione di tutte le informazioni riguardanti la tecnologia alla base del vaccino. La pubblicazione difensiva, senza imporre ulteriori costi, distrugge la novità dell’invenzione e impedisce a tutti di brevettarla. L’esempio della rete mondiale alla base della distribuzione dei vaccini anti-influenzali dimostra che si possono concepire e attuare opportune misure organizzative e giuridiche volte a garantire il funzionamento della Scienza Aperta nel campo della tutela della salute.

Questa proposta permetterebbe di far uso di norme che già esistono per evitare che, con una sindemia in atto, l’interesse di pochi monopolisti continui a prevalere sul diritto di tutti alla salute e alla conoscenza.

image_pdfimage_print

Morire per un brevetto? Licenze obbligatorie e trasparenza contrattuale in materia di salute pubblica

Per contrastare la pandemia da Covid-19 c’è bisogno di scienza aperta. Solo la condivisione mondiale delle conoscenze e delle tecnologie utili a produrre vaccini, farmaci e dispositivi medici può dare la speranza di uscire in tempi brevi dalla crisi che l’umanità sta affrontando.

Molte voci si sono levate contro l’ingiustizia che vede i paesi ricchi accaparrarsi le risorse per vaccini e cure. Altri hanno messo in evidenza che le case farmaceutiche sono in grado di dettare tempi e modi delle campagne di vaccinazioni anche nel ricco Occidente dove hanno le proprie sedi principali. Il loro potere è tanto più sorprendente se si considera che godono di finanziamenti diretti da parte degli stati e traggono profitto dalle conoscenze della ricerca di base sostenuta da fondi pubblici.

L’accordo TRIPS (Trade Related Intellectual Property Rights, art. 31) autorizza gli stati, in situazioni di emergenza, a imporre licenze obbligatorie ai privati detentori di brevetti così che altre aziende possano produrre, non senza pagar loro un compenso, versioni generiche di farmaci e vaccini da loro controllati.

Tra gli interventi legislativi più urgenti da mettere in campo figurano:

  1. a livello italiano, l’inserimento nel decreto legislativo, 10 febbraio 2005 n. 30 (codice della proprietà industriale) di una disposizione normativa sulle licenze obbligatorie nella materia della tutela della salute pubblica;
  2. a livello europeo una normativa che imponga la pubblicità e la trasparenza dei contratti stipulati dall’Unione Europea e dagli Stati membri per la fornitura dei vaccini.

L’AISA chiede con forza al legislatore di intervenire per colmare queste lacune gravi e tanto più incomprensibili in quanto relative a misure compatibili e previste dall’attuale regime internazionale della proprietà intellettuale.

image_pdfimage_print

La riproduzione di opere delle arti visive di dominio pubblico e l’attuazione della direttiva europea sul diritto d’autore nel mercato unico digitale

Il 10 febbraio 2021 la facoltà di Giurisprudenza dell’università di Trento organizza un seminario dal titolo La riproduzione di opere delle arti visive di dominio pubblico e l’attuazione della direttiva europea sul diritto d’autore nel mercato unico digitale. Il programma dettagliato e le istruzioni per iscriversi sono visibili qui.

image_pdfimage_print

Pagare per leggere o pagare per scrivere: un dilemma insuperabile?

L’Università del Piemonte Orientale e AISA hanno organizzato una teleconferenza dal titolo Pagare per leggere o pagare per scrivere: un dilemma insuperabile? Editoria scientifica e Open Access. Il programma dettagliato dei lavori, nel corso dei quali si discuterà anche di  Plan S e dei cosiddetti accordi trasformativi, è visibile qui.

L’incontro ha avuto luogo nella mattinata del 4 dicembre 2020; il servizio di teleconferenza e di streaming è stato offerto dal GARR.

Le slide degli interventi sono disponibili presso Openaccessrepository.it:

Le registrazioni della conferenza sono visibili su GarrTV e sul canale YouTube dell’Università del Piemonte Orientale (*). La delibera dell’Università di Milano sui contratti trasformativi del 21 luglio 2020, citata nell’intervento di Emilia Perassi, è leggibile qui.

Una parte della discussione ha avuto luogo sulla mailing list Aisa circuli ed è conservata nei suoi archivi corrispondenti alla fine di novembre e l’inizio di dicembre 2020. Una ricapitolazione delle domande è disponibile qui.

Locandina

(*) A causa del numero sorprendentemente alto di iscritti, il seminario è stato trasmesso in streaming – cosa che non permette né ad AISA né all’Università del Piemonte Orientale di verificare l’identità di chi si è connesso per seguire la diretta e di certificarne il collegamento con un attestato. Chi ha partecipato può però fornire una autocertificazione all’ente in cui lavora o agli organi che ne facciano richiesta.

image_pdfimage_print